Zapponeta (Foggia)


E’ colpa della Merkel, della Bce, dell’euro, della recessione internazionale, delle tempeste finanziarie mondiali, il dissesto – chiamatelo pure fallimento – di Zapponeta, 3.400 abitanti, che non può garantire nemmeno il servizio di scuolabus a una decina di alunni delle elementari? E’ colpa loro se il nuovo sindaco, Vincenzo D’Aloisio, eletto quattro mesi fa con una lista civica che va dal Pd a Forza Italia, deve accompagnare a scuola di persona, con la propria Panda, ogni mattina, quattro di questi alunni? Com’è possibile che in un paese in cui l’agricoltura è un giardino dei migliori ortaggi e il mare quasi sempre bandiera blu, incastonato tra le riserve naturali delle Paludi di Lago Salso e delle Saline di Margherita di Savoia, dove i colori sono magici e i fenicotteri rosa hanno stabilito il proprio regno, com’è possibile che un paese così fallisca sotto il peso di 7 milioni di euro di debiti e 10 milioni di mutuo con la Cassa depositi e prestiti da restituire con rate semestrali da 350 mila euro fino al 2040?
Il sindaco-autista, che in realtà è agronomo e insegnante di catechismo, è nuovo alla politica, ma non alle azioni di volontariato. La lista con cui è stato eletto si chiama «Cambiamo Zapponeta» e lui, 47 anni, assieme a quattro assessori la cui età media è 31 anni, questo vuol fare: cambiare Zapponeta.
La nuova «squadra» ha cominciato col munirsi di ramazza e tirare a lucido il municipio e con le motoseghe ha potato le circa trecento palme del paese. Ma, causa dissesto, al Comune è vietato indebitarsi anche di un centesimo. Quindi, anche se la Regione Puglia ha stanziato 25 mila euro per l’acquisto di uno scuolabus, che costa quasi il doppio, si è dovuto rinunciare all’idea.
Il sindaco allora si è trasformato in autista di scuolabus. Ma di fronte alle esclamazioni di meraviglia dei funzionari regionali per questa sua decisione ha capito che per accendere i riflettori su Zapponeta, come quando il concittadino Nicola di Bari vinceva Canzonissime e Sanremi, doveva giocarsi questa carta con foto e video su Internet. Ha visto giusto, e ora può raccontare a tutti che «il sindaco che va a prendere i bambini dalle loro case e li accompagna a scuola» è una bella cosa, che fa volentieri, ma ciò che interessa a lui e alla sua giunta non è tanto la storia edificante di un volontariato che da solo non basterà mai, quanto spiegare come è potuto accadere affinché si comprendano anche i casi simili (che in Italia sono tanti) e soprattutto trovare una soluzione.
Fino al 2001, le cose andavano bene. Il sindaco Savino Di Noia, comunista e poi pidiessino, che ha amministrato ininterrottamente dal 1982 per 18 anni, lasciò un avanzo di cassa di 300 milioni di lire. Poi gli è succeduto Francesco D’Aluisio, maresciallo dei carabinieri nella vicina Margherita di Savoia, «uno che andava in municipio, a fare il sindaco, in divisa!», racconta Di Noia. Con il sindaco-maresciallo, in carica per dieci anni, il crac di 7 milioni, «e con i due sindaci successivi, ancora altri debiti per 1,3 milioni», dice l’attuale sindaco.
Le denunce, alla magistratura contabile e anche a quella penale, sembra siano servite a poco o a nulla. Ma cosa è stato fatto con tutti quei soldi? Il Comune dovrebbe avere 23 dipendenti e ne ha solo 5, di cui uno vigile urbano. Quindi, non è stato assunto nemmeno il personale necessario. Assessori e sindaco tirano fuori carte su carte e mostrano che «semplicemente» non si pagavano i fornitori di beni e servizi, mentre per esempio lo staff del sindaco-maresciallo costava 100 mila euro, una parcella legale 200 mila, potare 10 pini 40 mila, e via con altre amenità.
La soluzione però, c’è. Il ministero dell’Interno ha nominato un liquidatore che ha concordato con i creditori un dimezzamento del debito. Certo, non basta. Ma se la Regione Puglia aiutasse Zapponeta con 7-800 mila euro, come ha fatto con il comune di Castellaneta, Taranto, a cui ha dato 2 milioni, si uscirebbe dallo stato di dissesto. E allora, altro che scuolabus. Si potrebbe ricominciare da capo.


Carlo Vulpio, Corriere della Sera, 1/10/2016
Annunci